Home   Chi siamo   Attività   Pubblicazioni   Links   Glossario              
 Home >  Glossario  > Sistema e Autopoiesi
Sistema e Autopoiesi

Secondo Edgar Morin, un sistema può essere concepito come l'unità globalmente organizzata di interrelazioni tra elementi, azioni o individui.
Questa definizione è al tempo stesso completa e innovativa, e cambia il modo di concepire e osservare un sistema: dalle sue componenti alle sue interrelazioni.
La qualità di un sistema dipende dalla qualità dei suoi legami interni ed esterni, ed è determinata dalle sue dinamiche come combinazione ricorsiva di parti che compongono un sistema condiviso pur costituendo al tempo stesso anche sistemi individuali.
Quindi un sistema è complesso perché abbraccia tutte le sue parti (dal significato latino di complessità), ed è intrecciato poiché si trova dentro altri sistemi e contiene elementi che sono interamente o parzialmente incastonati all’interno e al di fuori dei suoi confini.
Come Blaise Pascal scrisse alcuni secoli fa: "Essendo dunque tutte le cose causate e causanti, aiutate e aiutanti, mediate e immediate, e tutte essendo strette da un legame naturale e insensibile che collega le più lontane e le più diverse, giudico impossibile conoscere le parti senza conoscere il tutto, non altrimenti che conoscere il tutto senza conoscere particolareggiatamente le parti."

Un sistema co-evolve e si auto-organizza nella misura in cui le sue relazioni consentono una vita comune. Questo significa che un sistema ha la proprietà di essere “autopoietico”. Il termine “autopoiesi” è stato coniato da Maturana e Varala negli anni 1980, fondendo la parola greca "poiesis" (creazione o produzione) con "auto" (se stesso), al fine di esprimere le dinamiche di autonomia che caratterizzano i sistemi viventi.

Il concetto di autopoiesi è stato esteso da Luhmann ai sistemi sociali per definire la capacità di esercitare autonomia, autopropulsione e autosufficienza per mezzo di principi, codici e pratiche coevolutisi nell’ambito di reti interne e connessioni esterne. Così come accade per i sistemi naturali, le comunità sociali hanno confini permeabili che lasciano assorbire dall'esterno nuova forza ed energia.